UTENZE

Viene stabilita la dotazione di 6.000 mc/Ha, quale che sia il tipo di coltura e sistema di distribuzione, mentre per l’irrigazione di soccorso per gli erbai autunno vernini, la quota/Ha assegnata è pari a 1200 Mc. Resta in carico dell’Utente, una volta assegnate le quote/ettaro, stabilire la superficie effettiva da irrigare sulla base dei fabbisogni colturali, caratteristiche dei terreni e tipologia ed efficienza dell’impianto di distribuzione aziendale.

UTENZE IRRIGUE

Ai sensi dell'art. 2, comma 3 del regolamento irriguo gli utenti sono tenuti a fare domanda annuale, entro i termini previsti, su apposito modulo messo a disposizione dall’ufficio oppure su modulo scaricabile dal sito. Il servizio di irrigazione razionalizza e distribuisce l’acqua mediante l’impiego di una tessera elettronica di prelievo da darsi in dotazione ad ogni singolo utente. Questo sistema consente l’assegnazione a ciascun consorziato, di un determinato volume di acqua a inizio stagione irrigua. Consente inoltre l’addebito in base al volume d’acqua effettivamente prelevato. L’utente, in possesso del telecomando o tessera a lui resa disponibile, potrà ovunque ed in qualsiasi momento, prendere visione della disponibilità idrica residua e di tutti i parametri operativi; potrà accertare il volume di acqua nel frattempo somministrato e della portata istantanea in l./sec. Per quanto concerne l’uso del telecomando o tessera elettronica di prelievo, nella forma più semplice, l’utente si potrà limitare ad utilizzarla per attivare e chiudere il gruppo di consegna intervenendo direttamente in occasione dell’apertura e della chiusura del medesimo. Si potrà inltre predeterminare l’entità, in volume di acqua o in tempo, dell’intervento irriguo, entro le soglie fissate dal Consorzio in fase di programmazione e nel contempo predisporre un “posticipo” nella attivazione del flusso idrico, rispetto al momento nel quale introduce la tessera nel gruppo di consegna.

Manuali


AcquaCard multiplo (Tessera grigia)
AcquaCard semplice (Tessera azzurra)


Hydrokey
Hydropass BLU - Manuale utente
Hydropass BLU - Guida rapida



UTENZE EXTRA AGRICOLE

Per utenze extra-agricole s’intendono quelle utenze che utilizzano l’acqua per usi diversi da quello agricolo quali, a titolo esemplificativo: artigianale e/o industriale (blocchiere, produzione inerti), villaggi turistici, camping, ristoranti, parcheggi, cantieri edili, attrezzature sportive (centri sportivi, campi da golf e calcio), Comuni, bocchette antincendio ad uso privato, giardini comunali, giardini condominiali etc..
La fornitura di acqua grezza per le utenze extra-agricole, già garantita da ultimo dal Regolamento per la gestione e distribuzione della risorsa idrica consortile per uso diverso da quello irriguo, approvato con Delibera del Commissario Straordinario n° 7 del 07.02.2008, è disciplinata da apposito Regolamento, predisposto dall’Amministrazione del Consorzio nelle more del perfezionamento dell'iter procedimentale delineato dall'art. 46 commi 3, 4, e 8 della L.R. 23 maggio 2008 n° 6 (Legge quadro in materia di Consorzi di Bonifica) come richiamato dall'art. 2 dello Statuto Consortile (adottato con Deliberazione del Commissario Straordinario n° 45 in data 11 settembre 2009), relativamente alle funzioni non comprese tra quelle di cui all'art. 2 della citata L.R. N° 6/2008, già svolte dal Consorzio alla data della sua entrata in vigore.

Tariffe
Con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 44 del 01.08.2016 sono state approvate le nuove tariffe per accedere al servizio di fornitura di acqua grezza per le utenze extra-agricole, relative all’anno 2017.

Oneri di allaccio (ex art. 10 Regolamento) € 1.200,00
Onere di primo allaccio stimato sulla base del costo medio di € 1.200 per strumento di misura della durata di anni 10, per un periodo minimo di utilizzo di 3 anni. Eventuali costi di modifica dell’impianto consortile atti a consentire l’allaccio dell’utenza, sono a carico del richiedente. I lavori saranno eseguiti direttamente dal Consorzio o da ditte specializzate da esso autorizzate ed incaricate

Tariffe a metro cubo (ex art. 13 Regolamento)
Stimate sulla base dei costi di aquisizione dell’acqua, di manutenzione e gestione della rete e delle connesse spese generali, in uno con la comparazione con le tariffe praticate ai Consorziati e tenuto conto dei trasferimenti ex L.R. 6/2008 ad esclusivo beneficio degli stessi

  • 1° FASCIA: sino a 300 mc/anno € 0,20/mc
    (Compresa quota fissa di accesso al servizio non inferiore a € 60,00 in conto consumi)
  • 2° FASCIA: da 300 a 600 mc/anno € 0,25/mc
  • 3° FASCIA: oltre 600 mc/anno € 0,30/mc

ONERI SUCCESSIONE NEL CONTRATTO – SUBENTRO E FALLIMENTO (ex art. 14, 15 E 16 Regolamento) € 50,00

Fornitura
La domanda di fornitura della risorsa idrica, con cadenza annuale, dovrà essere presentata presso la sede legale del Consorzio attraverso l'apposito modulo distribuito presso l’ufficio del Comprensorio irriguo in cui ricade l’immobile o tramite il modulo scaricabile dal sito. La domanda, per gli anni successivi al primo, dovrà essere presentata entro e non oltre il 15 ottobre di ciascun anno.

Richiesta acqua per uso extra agricolo